VictoriaInglesa Lona Tenida Punt Basse Unisex Bambini Blanc 20 Blanco Costo online Outlet Sast

B00VUVIYZQ

VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco)

VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco)
  • Materiale esterno: Tela
  • Fodera: Tessuto
  • Materiale suola: Gomma
  • Chiusura: Stringata
  • Tipo di tacco: Senza tacco
VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco) VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco) VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco) VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco) VictoriaInglesa Lona Tenida Punt - Basse Unisex - Bambini Blanc (20 Blanco)

Gli scatti rubati dai paparazzi durante la loro romantica vacanza all’Isola del Giglio, in Toscana, e che diventati subito virali  in Rete stanno infiammando questa già calda estate di gossip, hanno mandato su tutte le furie Gianluigi Buffon e Ilaria D’Amico. Tanto che il portiere della Juventus e della Nazionale italiana e la giornalista sportiva hanno preso una dura posizione paventando l’ipotesi di adire a vie legali procedendo con una diffida contro il settimanale Chi per le foto pubblicate.

«Si tratta di difendere  la loro immagine e i loro figli . Le foto scattate sono state strumentalizzate e non raccontano in alcun modo ciò che molti invece hanno asserito», si legge in un comunicato stampa congiunto della coppia che pone in particolare l’accento su un altro scatto, quello in cui la D’Amico è stata  immortalata con la testa chinata sulle gambe di Buffon , escludendo dunque qualsiasi allusione ad atti sessuali: «Ilaria stava ridendo e, nel ridere, ha appoggiato la testa sulle gambe di Gianluigi. E' venuto meno il dovere di rappresentare correttamente la verità, cosa che è  d'obbligo per qualunque giornalista . Ovviamente ci si vuole tutelare (non è stato ancora definito il modo esplicito con cui si deciderà di muoversi), ma ciò deve servire anche da monito per altri in futuro», si legge ancora nel comunicato.

n Rifiuti, Rap presenta progetto alla Regione per un centro di raccolta in via Pacinotti

Dipartimento Acque e Rifiuti. Bellolampo: corsa contro il tempo per la settima vasca

Verben sOliver 552730438/519, Zoccoli donna Rosa
21 luglio 2017 17:07
22  Condivisioni
I più letti di oggi




Reiseführer Una distesa di rifiuti
APPROFONDIMENTI

L'area è stata individuata, il progetto presentato. Adesso la Rap attende di sapere se verrà accolta o meno la richiesta di finanziamento presentata alla Regione per realizzare il primo centro comunale di raccolta della città. Un'infrastruttura che potrebbe spingere all'insù la raccolta differenziata e soprattutto introdurre un meccanismo premiale - leggasi sconto sulla bolletta Tari - per i cittadini che separano i rifiuti.

La Rap ha partecipato a un avviso pubblico bandito dal Dipartimento regionale Acque e Rifiuti lo, che mette a disposizione per tutta la Sicilia 25 milioni di euro non spesi del Fondo per lo sviluppo e la coesione (Fsc). Per i nuovi centri di raccolta è possibile avere fino ad un massimo di 800 mila euro. La scorsa settimana, la Giunta comunale ha dato l'ok al progetto esecutivo redatto dalla stessa Rap. L'area prescelta per il centro comunale di raccolta è un terreno confiscato alla mafia che si trova in viale Pacinotti.

Nel regolamento Tari, approvato dal Consiglio comunale nel 2013, è prevista l'istituzione di questa tipologia di "isole ecologiche". Finora però la Rap non ha dato seguito al deliberato di Sala delle Lapidi. Questo bando potrebbe rappresentare una svolta. "Da quanto ci risulta non sono stati molti i progetti presentati" fa sapere l'ingegnere Antonio Putrone, responsabile unico del procedimento, che mostra un certo ottimismo.



Potrebbe interessarti:  http://www.palermotoday.it/cronaca/rap-centro-raccolta-rifiuti-via-pacinotti.html
Seguici su Facebook:  http://www.facebook.com/pages/PalermoToday/115632155195201

Le grandi aziende agricole che producono avocado hanno potuto impossessarsi dell’acqua della zona in maniera del tutto legale, ottenendo dallo stato i diritti di uso gratuito e perpetuo. Infatti, con il  codice dell’acqua cileno  approvato nel 1981 dal regime militare di Augusto Pinochet, le fonti e i diritti di gestione dell’acqua sono stati privatizzati e l’acqua è diventata un bene di mercato soggetto a proprietà privata.

“Quando si parla di acqua come bene comune, il Cile è l’esempio di tutto ciò che non bisogna fare”, afferma l’attivista di Modatima, Mundaca. “Il codice ha permesso e incentivato il sistema di sottrazione dell’acqua, che così è perfettamente legale. Ora è in discussione al parlamento  una riforma della legge , ma è un progetto inconsistente, che continua a garantire la proprietà privata dell’acqua”.